E ora che abbiamo il Bambù come lo cuciniamo?

"Possiamo vivere senza carne, ma senza bambù sarebbe la morte" (Confucio)

IL GERMOGLIO DI BAMBU
Il germoglio di Bambù è un alimento tipico della cucina giapponese, per molti aspetti simile agli asparagi, con proprietà nutrizionali molto interessanti. Esternamente il germoglio si presenta ricoperto da uno spesso e molto resistente involucro di foglie e aprendolo, al suo interno, possiamo trovare un polposo germoglio di colore bianco-panna. La consistenza è croccante e dal sapore delicato e inconfondibile anche se una volta bollito acquista un sapore abbastanza neutro adattandosi per questo alle diverse pietanze.
I germogli di bambù offrono diversi benefici per la salute del nostro organismo e trattandosi di un vegetale povero di grassi e zuccheri, con solo 27 calorie, risulta indicato nelle diete ipocaloriche e per perdere peso.
Sono inoltre caratterizzati da interessanti elementi nutritivi Infatti secondo il Washington State University e la Panjab University in India Introducendo il Germoglio all’interno una normale dieta questo riduce efficacemente i radicali liberi che possono produrre sostanze cancerogene dannose, può inoltre essere utilizzato per abbassare il livello di colesterolo nel sangue, contribuendo a migliorare l’appetito e la digestione. Possiede anche vitamine del gruppo B fondamentali per il corretto funzionamento metabolico del corpo tra cui tiamina, riboflavina, niacina, vitamina B-6 (piridossina) e acido pantotenico ed è ricco di minerali come il rame e il manganese.
Secondo recenti scoperte si ha conferma anche della presenza di piccole quantità di altri elettroliti e minerali essenziali quali calcio, fosforo e ferro. Tra questi ultimi citati il rame è richiesto dal nostro organismo per la produzione di globuli rossi mentre il ferro risulta necessario per la formazione dei globuli rossi e la respirazione cellulare. Molto importante è anche il potassio, presente in buone quantità nel germoglio di bambù (533 mg per 100 gr). Questo minerale è molto importante per il controllo della pressione sanguigna ed aiuta a contrastare gli effetti negativi del sodio all'interno dell’organismo umano.
Per quel che riguarda invece l’estratto di bambù, questo risulta essere anche molto ricco di silice, un minerale benefico capace di prevenire osteoporosi, dolori ossei, e invecchiamento precoce della pelle.
SCELTA E CONSERVAZIONE

Scendendo un po’ sugli aspetti pratici vediamo come scegliere e Conservare il Germoglio di Bambù.

Il germoglio di bambù fresco è una prelibatezza di stagione, tuttavia, sottovuoto o in scatola, può essere disponibile tutto l'anno nei supermercati più forniti.

Il fresco è da preferire a quello in scatola, come per tutta la frutta e verdura, bisogna cercare però quello raccolto di recente (in primavera soprattutto). Nella scelta prestare attenzione a quelli fermi e pesanti con foglie intatte e base larga. Vanno evitate le radici morbide o secche perché sono indice di minor freschezza e probabilmente di sapore meno piacevole.

Una volta acquistato e scelto il bambù fresco va consumato preferibilmente appena raccolto oppure conservato mantenendo l'intero germoglio di bambù sbucciato e avvolto in una carta o un panno e posto all'interno del frigorifero dove rimane fresco per 2/3 giorni.

 

MA COME SI PUÒ INSERIRE IL BAMBU NEI PIATTI DI TUTTI I GIORNI?

Chi ama miscelare sapori diversi e sperimentare nuovi accostamenti, anche bizzarri , rimarrà piacevolmente stupito dai piatti a base di Bambù gigante Onlymoso che troverà in questa pagina!


 

Visita il nostro canale!

logo-vegan-ok-cbi.png
 

Nessun prodotto

To be determined Spedizione
0,00 € Totale

Acquista